Edizione 2022

FUTURO FESTIVAL alla sua seconda edizione (2022), dopo aver aperto la porta a nuove proposte attraverso il programma e il suo contenuto generale, incentra la sua riflessione sulla percezione di TEMPO e FUTURO, che di giorno in giorno muta, modificata dagli stravolgimenti sanitari e socio-politici del nostro millennio. E’ chiaro che non disponiamo di riferimenti del passato a cui approcciarci e confrontarci, in quanto mai una situazione sanitaria e dunque sociale ed economica di tale entità si era verificata prima. Inoltre è senza dubbio imprescindibile l’osservazione e la considerazione della nuova guerra insorta, con le sue conseguenti emergenze e l’instabilità degli equilibri politici. Sembra dunque importante riuscire a domandarsi che significato abbia programmare, organizzare, danzare la danza ora. E più in generale la cultura tutta.

Più nello specifico, nell’investigare il tema attualissimo riguardante le possibili interazioni tra arti performative e mondo digitale, come già avvenuto nei momenti di confronto durante la scorsa edizione del festival, ci si rende conto della necessità di creare occasioni volte allo sviluppo di uno sguardo sufficientemente critico per essere in grado di mettere in dubbio la realtà, la quale ci viene presentata il più delle volte come statica verità suprema e assoluta. Ciò può ancora influenzare la cultura, la danza, il mondo artistico in generale: seminare il dubbio, cosicché si possano generare interpretazioni e visioni differenti.

Dai dubbi innaffiati dal dialogo attivo ed esposti al sole dello scambio generoso possono nascere degli alberi con molte radici, molte foglie, molti colori. Dare dunque fiducia alla forza visionaria insita nelle pratiche coreutico-artistiche è l’obiettivo del festival, affinché la realtà digitale possa essere un valido strumento per la rappresentazione e la comprensione del nostro presente multiforme e spesso ambiguo e conseguentemente aprire orizzonti per le proposte del futuro, vicino e lontano.

Fotografie di Massimiliano Fusco

Torna a Roma dal 2 Luglio al 17 Luglio, presso il Teatro Brancaccio, la seconda edizione del festival di danza e cultura contemporanea “FUTURO FESTIVAL” diretto da Alessia Gatta

Ben undici progetti artistici con due prime nazionali e una internazionale, una compagnia dalla Francia e una dalla Spagna, una danzautrice  Koreana e cinque coreografi di chiara fama –  Kimberly Bartosik, Claudia La Vista, Patcharaporn Krüger-Distakul, Matthias Kass & Clément Bugnon.

Al Teatro Brancaccio si affianca lo spazio BOA- Brancaccino Open Air nel quale si apre il festival il 2 Luglio con la tavola rotonda RE_MōVēRE con ospiti di eccezione che dialogheranno sul tema del POST-HUMAN nel METAVERSO. Si prosegue fino al 7 Luglio con serate che ospitano un programma dedicato ai progetti vincitori di premi per la danza nel 21/22: “FLUIRE” di Greta Martucci vincitrice del premio WOM DIALOGUES, “GIANNINO E GRETA” di Matteo Vignale e Noemi Dalla Vecchia vincitori del premio “What We Are”, “WOMAN MADE Project” di ArtGarage, Borderline, Adarte, Dance Gallery vincitore del bando Boarding Pass Plus del Ministero della Cultura. Inoltre una delle novità del Festival è il “FUTURO FESTIVAL DANCE CONTEST” dedicato a qualunque tipo di danzatore che si sfiderà davanti ad una giuria tecnica altamente qualificata ed internazionale. A chiudere il contest la serata club “SAY OH” all’insegna della buona musica e la condivisione. Dal 9 al 17 Luglio si darà spazio invece, nella splendida cornice del Teatro Brancaccio, alle compagnie internazionali Equilibrio Dinamico, Sine Qua Non Art, [Ritmi Sotterranei], Lali Ayguadé Company e in chiusura la storica compagnia italiana Zappalà Danza. Non mancano attività collaterali di formazione come il progetto #UNMETROCUBO, workshop per danzatori tenuto da docenti, coreografi e artisti internazionali, in collaborazione con BrancaccioDanza e il progetto “THEATERTELLING” a cura di Theatron 2.0 e rivolto a studenti, scrittori, artisti, creativi digitali, fotografi, illustratori, youtubers, tiktokers, instagrammers, appassionati allo spettacolo dal vivo. Questo festival ambisce ad essere un punto di riferimento per la città di Roma e per il suo popolo amante della danza contemporanea; guarda alla nuova danza italiana ed internazionale, sinonimo di incontro e convivenza per la ricerca di nuovi linguaggi mediati da un pensiero artistico visionario che affronta i temi sociali come la convivenza, in e tra, comunità.  

Alessandro Longobardi
Direttore artistico Teatro Brancaccio

Immaginando l’edizione 2022 di FUTURO FESTIVAL, mi sono domandata come la nostra percezione di TEMPO e FUTURO stia cambiando progressivamente, in quanto immersi in stravolgimenti sociali che certamente segnano la storia. Si era pensato che la riflessione in merito all’era pandemica fosse pressoché esaurita con un ritorno alla “normalità”, ma ci siamo trovati a confrontarci con l’emergenza di una nuova guerra. Nello scenario del presente, è importante per me domandarsi che significato abbia danzare, programmare, organizzare la danza. Che funzione può avere Futuro Festival e, più in generale, la cultura tutta? Per i sognatori avventati, in un mondo utopico, successivo a questo arco temporale, probabilmente vi è un nuovo Rinascimento. Sento di essere tra questi, auspicando ad un’età del cambiamento, che ponga una risoluzione allo stallo, alla stasi, alla paralisi attraverso prospettive ampie e dinamiche. Con Futuro Festival vorrei davvero che la danza generasse movimento, non solo del corpo, ma anche delle idee, grazie a flussi e incroci di pensieri e scambi di materiali. L’obiettivo è dunque creare opportunità per danzatori e artisti italiani ma con uno sguardo attento rivolto al resto del mondo; aprirsi quindi a nuove proposte, conservando però la stima per le compagnie che hanno fatto la storia della danza nel nostro Paese. Tutto ciò per rivolgersi ad un pubblico vasto ed eterogeneo.

Insieme ad Alessandro Longobardi, che nuovamente ringrazio per la fiducia nell’assegnarmi un compito così difficile di direttrice artistica, immaginiamo una grande festa, fatta di persone, danza e cultura. In fondo, cosa potrebbe esserci di meglio?

Alessia Gatta
Direttrice artistica FuturoFestival

2 luglio 2022
19:00

Brancaccino Open Air

Tavola Rotonda
rĕ-mŏvēre | A cura di Matilde Cortivo
Moderato da Gaia Clotilde Chernetich e con: Alessandro Longobardi, Domenico Maria Papa, Viviana Raciti, Daniele Spanò, Gaia Riposati, Alessandro Angiani, Marco Guarna

DJ SET
kares dj

Performance
Frozen Shoulder
Jung Hea Min Dance Company [KR]

3 luglio 2022
21:00

Brancaccino Open Air

Spettacolo
WOM DIALOGUES

Giannino e Greta
VIDAVE’ Crafts [IT]
Regia e Coreografia: Noemi Dalla Vecchia e Matteo Vignali

Respirami
BRANCACCIODANZA [IT]
Regia e Coreografia: Daniele Toti

FLUIRE
BRANCACCIODANZA [IT]
Regia e Coreografia: Greta Martucci 

5 luglio 2022
19:00

Brancaccino Open Air

Battle

Futuro Festival Dance Contest
In collaborazione con: SAY OH!

Presidenti di giuria: Poe One, Alessia Gatta
Giuria: Vanessa Guidolin, Tom Davis Dunn, Ylenia Battista, Daniele Toti, Jesus Guia

7 luglio 2022
21:00

Brancaccino Open Air

Performance

Performance finale del workshop per giovani danzatori #UNMETROCUBO
[MATRICE]N
in collaborazione con BRANCACCIODANZA

 

Spettacolo – PRIMA NAZIONALE
Woman Made Project
ATS – WOMAN MADE [ArtGarage, Borderline, Adarte, Dance Gallery] [IT]
Regia e Coreografia: Kimberly Bartosik, Claudia La Vista, Patscharaporn Krüger-Distakul

9 luglio 2022
21:00

Teatro Brancaccio

Spettacolo – PRIMA NAZIONALE
RUNA
Lali Ayguadé Company [ES]
Regia e Coreografia: Lali Ayguadé

10 luglio 2022
21:00

Teatro Brancaccio

Spettacolo
NUBIVAGO

Nostos” Regia e Coreografia: Roberta Ferrara
Equal to men” Regia e Coreografia: Roberta Ferrara
“Continuum” Regia e Coreografia: Matthias Kass e Clément Bugnon 

EQUILIBRIO DINAMICO [IT]

12 luglio 2022
21:00

Teatro Brancaccio

Spettacolo
NOS DESIRS FONT DESORDRE
SINE QUA NON ART [FR]

Regia e Coreografia: Christopge Bèranger e Jonathan Pranlas-Descours 

14 luglio 2022
21:00

Teatro Brancaccio

Spettacolo – PRIMA NAZIONALE
TU
RITMI SOTTERRANEI  [IT]

Regia e Coreografia: Alessia Gatta

16-17 luglio 2022
21:00

Teatro Brancaccio

Spettacolo
RIFARE BACH
Compagnia Zappalà Danza [IT]

Regia e Coreografia: Roberto Zappalà

extra

2-6 luglio 2022
9:30 / 17:00

BRANCACCIODANZA

Workshop
1M3 – A contemporary dance week in Rome

[MATRICE]N in collaborazione con BRANCACCIODANZA

Docenti: Alessia Gatta, Tom Davis Dunn, Hea Min Jung, Krayon, Jesus Guia, Noemi Dalla Vecchia e Matteo Vignali 

2-17 luglio 2022

Tutti gli spazi del Festival

Workshop
THEATERTELLING
Corso di formazione professionale che coniuga brand journalism, tecniche di storytelling, cronaca culturale e digital strategies

A cura di Ornella Rosato [THEATRON2.0]

2-17 luglio 2022

Tutti gli spazi del Festival

Community
PASSAPAROLA
Call per influencer

Fotografie di Massimiliano Fusco